Archivi categorie: carni e derivati

Un ossicino e un buon naso a garanzia del prosciutto e del culatello

fibula prosciutto

Il prosciutto e il culatello sono due tra i salumi più rappresentativi della nostra tradizione alimentare. Entrambi si ottengono dalla coscia del suino, ma mentre il prosciutto  prevede la lavorazione della coscia intera,  il culatello prevede di separare la parte migliore eliminando le ossa, il grasso e la cotenna.

Salumi: come sceglierli e consumarli

salami

Nella tradizione del nostro Paese i suini venivano allevati prevalentemente a livello familiare. La macellazione avveniva in pieno inverno e si ottenevano importanti quantità di carne che non potevano essere consumate in breve tempo. Per conservarla si ricorse all’utilizzazione del sale che, grazie alla sua capacità “disidratante”, è in grado di preservarne il valore nutrizionale e garantirne la sicurezza. Sono quindi nati i “salumi”.

Carne di cinghiale: come consumarla in sicurezza

Recentemente si è tenuto il “II° Congresso Nazionale della Filiera delle Carni di Selvaggina Selvatica” dove ampio spazio è stato dedicato alle carni di cinghiale. Da un punto di vista nutrizionale la carne di cinghiale ha un ottimo valore e rispetto a quelle suine ha un contenuto di grasso inferiore. Le caratteristiche organolettiche sono quelle degli animali selvatici e sono apprezzate da molti consumatori.

Il salame è un alimento probiotico?

salami

I salumi fanno parte della tradizione alimentare del nostro Paese e sono componenti della dieta mediterranea. Nonostante l’importante valore nutrizionale sono molti i pregiudizi esistenti nei loro confronti anche se non tutti sanno come si producono e quali benefici accessori possono derivare dal loro consumo.

Come gestire la carne in completa sicurezza: il nuovo libro di Agostino Macrì e Gianluigi Valsecchi

La produzione e il controllo degli alimenti sono molto accurati e si può affermare con una ragionevole certezza che quanto troviamo in vendita negli esercizi commerciali legali è molto sicuro. Sono però in molti a ritenere che gli attuali sistemi produttivi sono pieni di insidie in grado di compromettere la salubrità degli alimenti; di conseguenza sono molto diffuse le preoccupazioni per diversi alimenti.

Il “foie gras” è destinato a scomparire?

La notizia è che la stragrande maggioranza delle catene dei supermercati che operano in Italia ha deciso di interrompere la vendita del “fois gras”. Si tratta del fegato di anatre o di oche “steatosico”, ovvero infarcito di grasso ottenuto con una particolare tecnica di allevamento. Tale alimento non è di uso molto comune, ma è molto apprezzato dai buongustai soprattutto francesi.