Semi di albicocca: alcune importanti considerazioni

Uno dei frutti maggiormente consumati nel periodo estivo è l’albicocca. La troviamo di varie dimensioni ed è molto gradita sia per il sapore, sia per la facilità di consumo. Ovviamente tutti conosciamo il nocciolo che normalmente buttiamo dopo aver consumato il frutto.

C’era una volta l’acqua

Le persone di una certa età ricordano che la maggioranza di noi beveva l’acqua che proveniva dai rubinetti di casa e in molte zone rurali si attingeva dai pozzi. In diverse zone del nostro Paese c’erano delle sorgenti naturali che potevano essere liberamente utilizzate dai consumatori per fare il pieno di acqua; si andava con taniche o damigiane e si poteva raccogliere addirittura acqua leggermente gassata (a Roma e dintorni, per esempio). Quando da ragazzi si andava a giocare a pallone a Capannelle ci dissetavamo con l’acqua Appia.

Salumi: come sceglierli e consumarli

salami

Nella tradizione del nostro Paese i suini venivano allevati prevalentemente a livello familiare. La macellazione avveniva in pieno inverno e si ottenevano importanti quantità di carne che non potevano essere consumate in breve tempo. Per conservarla si ricorse all’utilizzazione del sale che, grazie alla sua capacità “disidratante”, è in grado di preservarne il valore nutrizionale e garantirne la sicurezza. Sono quindi nati i “salumi”.

Carne di cinghiale: come consumarla in sicurezza

Recentemente si è tenuto il “II° Congresso Nazionale della Filiera delle Carni di Selvaggina Selvatica” dove ampio spazio è stato dedicato alle carni di cinghiale. Da un punto di vista nutrizionale la carne di cinghiale ha un ottimo valore e rispetto a quelle suine ha un contenuto di grasso inferiore. Le caratteristiche organolettiche sono quelle degli animali selvatici e sono apprezzate da molti consumatori.

Come difenderci dalle frodi e dai pericoli alimentari

frode alimentare

Ognuno di noi nel fare la spesa o semplicemente osservando la merce esposta in vendita, può notare delle irregolarità di vario genere. Pesce maleodorante venduto per freschissimo, frutta esotica spacciata per italiana, carne macinata con colorazioni anomale, vini apparentemente di grande qualità, ma che in realtà sono comuni, olio extravergine di oliva  definito come italiano ma di origine di altri Paese comunitari o extracomunitari, formaggi ammuffiti  garantiti per freschi, alimenti dichiarati “biologici” che però sono ottenuti da coltivazioni o allevamenti convenzionali.

Grattachecca, granita, ghiaccio tritato: ecco tutte le differenze

Con l’arrivo dell’estate aumenta in tutti noi il desiderio di refrigerio che viene soddisfatto anche con il consumo di alimenti e bevande fresche o addirittura ghiacciate. Sappiamo bene che in questo modo andiamo incontro a un piacere effimero che ci spinge a fare il bis di quello che assumiamo.