Archivi tag: latte e derivati

Calcio: da dove lo prendiamo?

Un’azienda che produce acqua minerale (Sangemini) ha recentemente pubblicizzato il prodotto come fonte di calcio “altamente assimilabile” e ha paragonato il contenuto dell’elemento a quello presente nel latte e in alcuni prodotti derivati, con l’evidente scopo di stimolarne i consumi. Cerchiamo di capire come stanno effettivamente le cose e se è utile seguire i consigli pubblicitari. Noi tutti sappiamo che il calcio è il principale componente delle ossa, ma non tutti sanno che l’elemento è di fondamentale importanza per molte funzioni delle nostre cellule come, ad esempio, mantenere l’integrità delle membrane, consentire un corretta contrazione muscolare, regolare la coagulazione del sangue.

Da dove arriva il latte che beviamo?

mucche montagne

Da sempre le aziende che operano in Italia per la produzione di latte fresco utilizzano latte nazionale, con il ritiro di 550 milioni di litri l’anno. Il 100% del latte fresco è quindi italiano e confezionato solitamente entro 24 ore dalla mungitura. Per questo viene acquistato vicino agli stabilimenti di confezionamento. Diversa è la situazione per il latte a lunga conservazione (UHT) che proviene anche da altri Paesi. In Italia abbiamo soltanto circa 3.000 stalle; essendo la produzione nazionale insufficiente e per fare fronte alle richieste dei consumatori italiani, siamo costretti ad acquistarlo dall’estero ed in particolare da altri Paesi dell’UE a grande tradizione lattiero-casearia come Francia, Germania, Austria, Slovenia.