Ricotta: una prelibatezza da gestire con cura

Delle proprietà nutrizionali e della sicurezza della ricotta si parla spesso in modo impreciso. E’ abbastanza diffusa l’opinione che si tratti di un alimento molto versatile in cucina perché “leggero” e molto sicuro. Si tratta di un alimento “povero” derivato della produzione del formaggio e che fa parte della nostra tradizione alimentare sin dai tempi dei Greci e dei Romani.

I fitoestrogeni della soia farebbero bene alle donne in menopausa. E agli uomini?

La soia è un legume che fa parte della tradizione alimentare dei Paesi dell’Estremo Oriente. E’ utilizzata tal quale oppure lavorata per essere trasformata in Tofu, Tempeh o in bevande. Nel nostro Paese l’utilizzazione alimentare umana della soia è relativamente recente e spesso se ne ricavano dei surrogati cui impropriamente sono attribuite denominazioni che richiamano il latte, i formaggi o la carne.   Uno dei punti di forza per raggiungere i consumatori è di “magnificare” l’assenza di colesterolo e di lattosio che, come per tutti i vegetali e in particolare per i legumi (fagioli, lenticchie, ceci, cicerchia) è assolutamente normale.

Carne sintetica: il cibo del futuro?

Riduzione dei gas serra, produzione di cibo cruelty free senza rinunciare alle proteine animali sono tra le motivazioni dietro l’ultimo ritrovato delle mode alimentari: la carne sintetica, prodotto che – secondo alcune previsioni – potrebbe arrivare sulle nostre tavole a partire dal 2020. Sono infatti molti i laboratori che da diversi anni nel mondo stanno lavorando su questo progetto, presentato ufficialmente in pubblico nel 2013 con l’assaggio del primo hamburger prodotto in laboratorio. Presentazione avvenuta peraltro con un certo successo, dato che chi lo ha assaggiato dichiarò che aveva un gusto intenso (anche se non molto succoso per l’assenza di lipidi) e paragonabile a quello della carne.

I cambiamenti climatici, il nostro cibo e la nostra salute

cambiamenti climatici

Lo scorso dicembre, presso l’Istituto Superiore di Sanità, si è svolto  il primo convegno internazionale “Cambiamenti Climatici e Salute”. Abbiamo chiesto ad Alberto Mantovani dell’ISS di spiegarci il perché di questa iniziativa.