I residui negli alimenti di origine animale: possiamo stare tranquilli?

I residui di sostanze chimiche (farmaci, ormoni, contaminanti ambientali, ecc.) negli alimenti di origine animale (carne, latte, uova e miele), sono una delle maggiori preoccupazioni dei consumatori. Tali preoccupazioni derivano anche da un’amplificazione e spesso anche da una deformazione delle informazioni che sono fornite dai media sull’argomento.

La realtà è però diversa. La normativa in materia d’impiego di farmaci e di qualità e sicurezza dei mangimi impone il rispetto di regole stringenti che di fatto comportano la produzione di alimenti di ottima qualità e privi di pericoli per i consumatori.

Per verificare il rispetto delle norme, sin dal 1988 viene attuato il Piano Nazionale dei residui negli alimenti di origine animale. E’ un’attività coordinata dall’Unione Europea che interessa tutti i Paesi dell’Unione. E’ attuato controllando un numero significativo di campioni di alimenti e i risultati ottenuti consentono di conoscere la situazione reale.

Inoltre si fanno dei controlli extrapiano il cui numero viene deciso dalle nostre Autorità e infine dei controlli “mirati” quando esiste il sospetto di comportamenti illegali.

Recentemente il Ministero della Salute ha pubblicato i risultati ottenuti con il Piano Residui del 2019 che, sinteticamente, sono i seguenti.

In totale sono stati prelevati. 35400 campioni di alimenti di origine animale sui quali sono state effettuate 344.686 analisi (in ogni campione sono stati cercati più residui). Particolare interesse è stato dato alla ricerca di residui di antibiotici e di altri farmaci veterinari.

Nel complesso 87 campioni, pari a circa lo 0.2 %, sono risultati non conformi. Dei campioni non conformi soltanto sei derivano da comportamenti palesemente illegali. Gli altri sono conseguenti a disattenzioni, cause accidentali o errata applicazione dei tempi di sospensione.

I campioni extrapiano sono stati 2353 e i non conformi sono stati 5, pari anche in questo caso allo 0.2 %.

Sono stati anche fatti 1342 campioni sulla base di “sospetti” e in questo caso i campioni non conformi sono stati 56 pari al 4,1 % del totale.

Gli allevatori che hanno prodotto alimenti non conformi hanno subito delle sanzioni amministrative o penali in funzione della gravità del reato commesso. Si è anche proceduto alla distruzione degli alimenti “contaminati” .

 

Conclusioni.

I risultati ottenuti dimostrano che gli alimenti di origine animale prodotti in Italia devono essere considerati di elevata sicurezza e che i nostri allevatori lavorano molto bene.

Si deve infatti rilevare che gli illeciti gravi sono soltanto sei a fronte di 35.400 campioni.

Appare anche confortante che nei campionamenti fatti sulla base di “sospetti”, quelli non conformi sono soltanto il 4,1 % del totale. Si deve quindi desumere che i sospetti siano il frutto d’indagini e/o di evidenze a carico di allevatori il cui comportamento è stato considerato non regolare e quindi da verificare.

Per rispondere alla domanda iniziale possiamo dire che possiamo stare tranquilli e quindi concludere che mangiare carne, latte, uova e miele non comporta pericoli significativi.

Visto quanto premesso, la raccomandazione finale è di fare buon uso degli alimenti di origine animale, di evitare gli eccessi e, soprattutto, di non sprecarli.

 

Il rapporto completo “Relazione contenente i risultati dei controlli ufficiali svolti in attuazione del Piano Nazionale Residui Anno 2019” si trova nel sito del Ministero della Salute.

Commenti da Facebook

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *