Nuovi limiti di microbi negli alimenti

L’Unione europea corregge i criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari per la ricerca di microrganismi nocivi. Su parere dell’EFSA, l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare, con il Regolamento n. 1441/2007 sono state modificate le precedenti norme sull’igiene dei prodotti alimentari, soprattutto per quanto riguarda le salmonelle, la listeria e le enterotossine stafilococciche.


Questi sono alcuni esempi sui limiti ammessi.

Alimenti pronti per lattanti listeria assente in 25 g
Carne macinata salmonella assente in 25 g
Carni separate meccanicamente salmonella assente in 10 g
Formaggi, burro e panna ottenuti da latte crudo salmonella assente in 25 g
Prodotti a base di uova salmonella assente in 25 g
Crostacei e molluschi cotti salmonella assente in 25 g

Roma, 13 giugno 2008

Commenti da Facebook

commenti