Archivi tag: OMS

Superbatterio ‘New Delhi’: cos’è e cosa fare

La notizia che sta circolando in questi giorni e che crea molta preoccupazione, soprattutto in Toscana, riguarda l’infezione di alcuni pazienti con un “superbatterio” resistente agli antibiotici. Si dice anche che questo batterio si chiama “New Delhi beta lattamasi” (NDBL). Forse però non è stata fatta molta chiarezza e questo fatto può essere causa di confusione che non aiuta ad affrontare con la necessaria serenità la situazione esistente.

Soluzione minerale miracolosa: nessun beneficio e gravi pericoli

Lo scorso 27 giugno 2019, il Ministero della Salute ha diffuso una nota circolare con cui informa e allerta le Autorità Sanitarie dei pericoli legati al consumo di una “soluzione minerale miracolosa(MMS ovvero Miracle Mineral Solution). Alla MMS sono state attribuite attività prodigiose in grado di curare malattie molto gravi quali l’HIV, la tubercolosi, la malaria, il cancro, l’autismo, senza che ci sia alcuna evidenza scientifica che le attesti.

Impariamo a conoscere (e prevenire) la salmonellosi

Le salmonelle sono dei batteri molto diffusi nell’ambiente. Se ne conoscono circa 2000 ceppi e alcuni di essi sono patogeni per l’uomo. Bisogna distinguere le salmonelle tifoidee che si trasmettono per via interumana (S. typhi e S. paratyphi) e quelle non tifoidee che si trasmettono con gli alimenti contaminati (in particolare S. typhimurium e S. enteridis). Queste ultime  danno origine prevalentemente a forme gastrointestinali e sono tra le maggiori responsabili delle tossinfezioni alimentari; ogni anno nell’Unione Europea si verificano poco meno di 100.000 casi (dati del 2016) provocati dalle salmonelle.

Focus sui dolcificanti

zuccheri

Gli zuccheri (fruttosio, saccarosio, lattosio per citare i più comuni) sono presenti naturalmente in quantità importanti nel miele, in molti alimenti di origine vegetale (frutta, canna, barbabietola) e anche nel latte. Anche quello che troviamo in commercio (saccarosio)  è “naturale” e viene “estratto” dalle barbabietola o dalla canna. Dai carboidrati (amidi) e dagli zuccheri che assumiamo con la dieta, il nostro organismo “ricava” il glucosio fondamentale per fornire l’energia necessaria per lo svolgimento delle reazioni metaboliche del nostro organismo.