Archivi tag: olio extravergine d’oliva

Olio extravergine di oliva: puoi riconoscerlo così!

In commercio è possibile acquistare olio extravergine di oliva ed olio vergine di oliva. Le differenze sostanziali sono l’acidità  (che si misura con semplici esami di laboratorio) e le caratteristiche organolettiche che vengono valutate da panel di esperti “assaggiatori”. Quando troviamo scritto su una etichetta “olio extravergine di oliva” significa che ha una acidità inferiore a 0,8 g per litro e qualità “sensoriali”, misurate secondo una scala di valori adottata dai panel, superiori a 6,5 . In presenza di acidità superiori a 0,8 g/litro e con valori sensoriali inferiori a 6,5 ci troviamo di fronte ad oli vergini che sono ovviamente di qualità inferiore.

L’alimentazione equilibrata

E’ meglio rimanere stoicamente a stecchetto per tutte le feste di Natale o abbuffarsi per poi recuperare con una dieta last minute? Lo zampone e il cotechino rimarranno i principi delle nostre tavole? Panettone e pandoro, come sceglierli? Per non parlare dei dubbi che valgono per tutte le stagioni sull’olio di palma, gli ogm o, visti i recenti fatti di cronaca, sull’oliva d’oliva… A tutte queste domande e molte di più, visto che l’antologia sull’argomento è variegata, risponderanno Agostino Macrì, responsabile per la sicurezza alimentare dell’Unione Nazionale Consumatori (http://www.consumatori.it) ed Eugenio Del Toma

L’olio d’oliva: una spremuta di vantaggi

L’olio di oliva è uno degli alimenti fondamentali della dieta mediterranea perché contiene acidi grassi insaturi di ottimo valore nutrizionale, non contiene colesterolo ed è ricco di “antiossidanti” che hanno importanti funzioni “protettive” nei confronti di cellule e tessuti esposti a varie sostanze tossiche che quotidianamente assumiamo attraverso la contaminazione ambientale o più semplicemente con comportamenti sbagliati come il fumo, l’abuso di alcol o di alcuni alimenti.

Dal 1 luglio (forse) gli attributi dell’olio extravergine

Dal 1 luglio prossimo, salvo ulteriori slittamenti, sarà possibile per il consumatore leggere sull’etichetta dell’olio d’oliva extravergine che ha il sapore di carciofo (ottimo requisito), è dolce, mandorlato e altri pregi organolettici. Lo aveva stabilito il Regolamento CE n. 1044/2006 prolungando una vera e propria telenovela.