Archivi tag: ASL

Libretto sanitario e formazione ristoratori e operatori alimentari

libretto-sanitario-ristorazione

In Italia con la Legge 283 del 30.4.1962 è stato istituito il Libretto Sanitario per gli addetti alla manipolazione e alla distribuzione degli alimenti. Tale Libretto veniva rilasciato da medici ufficiali, che dovevano anche effettuare visite periodiche e attuare profilassi delle malattie infettive, ove necessario. In pratica, era necessario garantire che gli operatori fossero esenti da malattie infettive, potenziali veicoli di microrganismi in grado di contaminare gli alimenti e causare tossinfezioni alimentari.

ICQRF: a difesa dei consumatori e del Made in Italy

ICQRF_Made_in_Italy

L’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF), è una struttura centrale dello Stato che opera per reprimere e prevenire i reati di contraffazione e frodi alimentari lungo tutta la filiera di produzione. Ha anche il compito di vigilare sulle attività dei vari organi di certificazione dei prodotti biologici e di quelli tipici.

Aethina Tumida: una nuova minaccia per le nostre api

api_allerta

È emergenza nel settore dell’apicoltura. A settembre in Calabria è stata accertata un’infestazione degli alveari da parte del coleottero tropicale Aethina Tumida (proveniente dall’Africa) che potrebbe mettere in ginocchio la produzione italiana di miele. Questo nuovo parassita è molto pericoloso perché distrugge le colonie dell’ape mellifera, danneggia i favi alimentandosi del polline e del miele immagazzinato. In particolare scava gallerie tra le celle che contengono miele,

Non tutte le ciambelle escono col buco: alimenti imperfetti

L’acquisto degli alimenti è una necessità per tutti e per essere sicuri di non andare incontro a brutte sorprese, è necessario seguire la regola fondamentale di rivolgersi esclusivamente da rivenditori, siano essi ambulanti o la grande distribuzione, che abbiano una regolare licenza rilasciata dalle Autorità Pubbliche. La “licenza” garantisce che c’è stato un controllo preliminare sulla serietà del rivenditore, che le strutture di rivendita sono in buone condizioni igieniche e che vengono seguite delle procedure di vendita idonee a garantire la salubrità degli alimenti. Inoltre esiste un sistema di vigilanza che assicura il rispetto costante delle regole.