Succhi di frutta arabi con etichette irregolari

22 giugno 2018

L’Italia ha segnalato lo scorso 16 giugno al RASFF l’importazione di succhi di frutta prodotti negli Emirati Arabi  e transitati in Egitto che avevano delle etichette in cui la data di scadenza non era riportata correttamente. I campionamenti sono stati fatti l’otto marzo  e ci sono voluti tre mesi per scoprire il fattaccio. Indipendentemente da quanto accaduto, una domanda sorge spontanea: ma siamo cosi malridotti  da dover importare succhi di frutta arabi?