Archivi categorie: vari

Ci possiamo fidare dell’agricoltore?

vendita prodotti agricoli

Con un Decreto Legislativo del 2001 gli agricoltori sono stati autorizzati a vendere direttamente ai cittadini i loro prodotti sia come materie prime sia trasformati. In pratica il contadino può vendere la verdura, la frutta, la carne, il latte da lui prodotti, ma anche le marmellate, il formaggio o i salumi che ottiene da lavorazioni artigianali nella propria azienda senza particolari vincoli per quanto riguarda le strutture ed il personale utilizzati per la vendita.

Attività della Regione Lazio a sostegno della zootecnia nelle zone terremotate.

Ho ricevuto questa lettera dall’Assessore all’Agricoltura della Regione Lazio, Carlo Hausmann, e credo che sia meritevole di attenzione. Ciao a tutti, giusto un anno fa, il 20 gennaio, iniziavo questo strano lavoro in assessorato, ed è passato tutto in fretta, forse per questo chi mi incontra mi trova un po’ invecchiato? forse, e non ho trovato neanche il tempo di mandarvi gli auguri per Natale. 

Aria di casa: siamo veramente sicuri che sia salubre?

aria nella nostra casa

E’ molto diffusa la convinzione che nelle nostre case l’aria che respiriamo è salubre e priva di contaminanti. In realtà molti sono i pericoli che si annidano tra le mura domestiche e sono di natura chimica, fisica e biologica. Ci preoccupiamo a ragione della contaminazione ambientale, dello smog, della presenza di residui di sostanze chimiche negli alimenti, della pulizia dei mezzi pubblici, ecc.  Non ci rendiamo però conto che spesso, anche grazie a nostri comportamenti scorretti, mettiamo a rischio la nostra salute e quella dei nostri cari.

Olio di colza pericoloso per i bambini

olio di colza latte per neonati

Ogni tanto succedono delle cose incredibili e non si riesce a capire perché ai cittadini debbano essere fornite informazioni sbagliate deformando anche le verità scientifiche. Qualche mese fa l’Autorità Alimentare Europea (EFSA) ha affermato che trattando i grassi ad alta temperatura si formano delle sostanze cancerogene; ha anche detto che tali sostanze sono presenti anche nell’olio di palma. Non ha invece detto che esiste dell’olio di palma privo di questi contaminanti e che gli alimentaristi responsabili lo utilizzano. Da qui è nata la “gara” a togliere l’olio di palma da molti prodotti da forno. Evidentemente chi ha fatto questa operazione utilizzava olio di palma meno costoso e “contaminato”.