Archivi categorie: additivi e integratori

Il sapore che da’ l’acido glutammico

L’acido glutammico è un amminoacido che in natura è presente come costituente delle proteine. Nei prodotti stagionati (formaggi e salumi a lunga conservazione) può essere presente a seguito della trasformazione delle proteine conferendo loro i tipici gradevoli sapori. E’ un additivo alimentare, classificato come E621, e viene impiegato prevalentemente nella forma del suo sale sodico che prende il nome di “glutammato monopodico”.

Prima colazione: interazioni tra alimenti, integratori e farmaci

La prima colazione è spesso l’occasione migliore per assumere integratori alimentari e, per chi ne ha bisogno, farmaci. Infatti si trova in una condizione di digiuno da diverse ore e lo stomaco è vuoto, per cui alcuni principi attivi e/o micronutrienti possono essere più facilmente assorbiti. Vediamo nel dettaglio di quali si tratta.

I coloranti negli alimenti

La presenza di additivi coloranti è molto diffusa negli alimenti. Le ragioni sono diverse e generalmente servono per ridare il colore agli alimenti che lo hanno perso a causa di esposizione alla luce, ad elevate temperature e/o umidità, oppure a rendere gli alimenti più gradevoli alla vista come nel caso delle bevande alcoliche o analcoliche, prodotti dolciari, salse, eccetera. Si tratta di sostanze naturali o di prodotti di sintesi chimica che solo in alcuni casi esercitano qualche azione nutrizionale come avviene per esempio con i carotenoidi

La sicurezza dell’aspartame

I costituenti dell’aspartame sono due amminoacidi (acido aspartico e fenilanina esterificata con metanolo). Si tratta quindi di un composto che si ottiene dalla sintesi chimica di sostanze naturali presenti anche nelle proteine dei nostri alimenti. Il suo potere dolcificante è pari a circa 200 volte quello dello zucchero e tale proprietà fu scoperta casualmente nel 1965 da un chimico che stava lavorando nella ricerca di nuovi farmaci. Il consumo di alimenti contenenti aspartame, in sostituzione degli zuccheri,