Archivi categorie: additivi e integratori

Frutta: l’Italia dice “no” al conservante etossichina

Frutta_etossichina

In Italia, il Ministero della Salute e il Ministero dell’Ambiente hanno ufficializzato lo stop all’uso della molecola “etossichina”, impiegata per prolungare la conservazione della frutta, riconoscendone i rischi per la salute dei consumatori. In accordo con il parere dell’Istituto Superiore di Sanità, il divieto è stato imposto poiché sono state riscontrate, come riporta una nota del dicastero della Salute, “rilevanti criticità relative al valore degli attuali residui rispetto al rischio per la salute degli utilizzatori e dei consumatori”.

Integratori alimentari minerali: sono sicuri per tutti?

cucchiaio_pillole_integratori

All’UNC sono pervenute diverse richieste di chiarimento in merito a possibili conseguenze negative per le persone affette da patologie renali a seguito del consumo di integratori alimentari minerali contenenti sali di potassio e/o di magnesio. In effetti, un eccesso di consumo di questi sali può aggravare le condizioni delle persone ammalate in quanto “sovraccaricano” il lavoro di filtrazione dei reni accentuando il loro stato di “sofferenza”; si tratta di un problema non affatto marginale

I probiotici sono utili: sviluppi recenti

Come è noto, i probiotici sono dei microrganismi presenti nel nostro intestino, che svolgono importanti funzioni per facilitare la digestione e la produzione di un gran numero di sostanze che hanno una funzione preventiva nei confronti di numerose malattie metaboliche.

Il frutto miracoloso

frutto-miracoloso

Il Ministero della Salute ha segnalato la vendita sul mercato elettronico di un prodotto alimentare chiamato “frutto miracoloso” (in inglese miracle fruit). Si tratta di un bacca che viene prodotta da una pianta originaria dell’Africa denominata Synsepalum dulcificans. La bacca è di colore rosso, di piccole dimensioni, assomiglia al frutto del corniolo e contiene una glicoproteina, chiamata miracolina, che ha la capacità di interagire con i “recettori” del gusto che si trovano nel palato.